CHI SIAMO.. . . . . . . . . . . ATTIVITÀ . . . . . . . . . . . COS'È LA BIOETICA . . . . . . . . . . . COLLABORA CON NOI . . . . . .. . . . . ASSOCIAZIONE FLAVIO BENINATI. . . . . . . .

CONVEGNI . . . . . . . PUBBLICAZIONI . . . . . . .OPINIONI. . . . . . . YOUTUBE . . . . . . |. . . . .. . English . - . Español . . . . . . .|. . . . . . . . . .email: info@flaviobeninati.net . . .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

venerdì 16 giugno 2017

Italia capofila per le strategie vaccinali a livello mondiale

Il Decreto dei "12 vaccini obbligatori" recentemente discusso dal Consiglio dei Ministri del governo Gentiloni su proposta del ministro Lorenzin (leggi) potrebbe essere un'atto dovuto per tenere fede all'impegno preso nel 2014 con quqranta paesi della GHSA, come parrebbe ovvio leggendo il documento qui di seguito ripreso dal sito ufficiale dell'agenzia governativa AIFA.

  Comunicato stampa 387 (scarica pdf)

sabato 10 giugno 2017

Anche i feti sanno riconoscere i volti

10 GIUGNO 2017 - Anche i feti hanno la capacità di riconoscere i volti e ne sono così attratti da girare perfino la testa per non perderli di vista: a documentarlo, per la prima volta, sono le incredibili immagini ottenute con l'ecografia 4D in Gran Bretagna dai ricercatori dell'Università di Lancaster, che per studiare le capacità percettive dei nascituri hanno proiettato figure di luce nel grembo materno come in un cinema.

venerdì 9 giugno 2017

Sfida contro il tumore al seno, si sperimenta il vaccino. Studio partirà nel 2018 all'Istituto Pascale di Napoli

8 GIUGNO 2017 - Lo studio partirà nel 2018, a Napoli, e potrebbe rappresentare un grande traguardo nella lotta al tumore al seno. Si tratta di un vaccino i cui risultati preliminari sono stati presentati, a Chicago, nell'ambito del congresso American Society of Clinical Oncology e che vedranno l'Istituto nazionale dei tumori di Napoli Fondazione Pascale in prima fila visto che sarà l'unica struttura oncologica italiana a prendere parte alla sperimentazione.

Autismo, si può predire con risonanza bebè a 6 mesi di vita

8 GIUGNO 2017 - Se un bebè soffrirà di autismo lo si può predire con una risonanza della testa già a sei mesi di vita, anni prima che la malattia faccia il suo esordio e che il bambino presenti sintomi (che in genere non compaiono prima dei due anni): infatti bimbi destinati ad ammalarsi, già a sei mesi, presentano differenze nelle connessioni tra le diverse aree cerebrali rispetto a bimbi che non si ammaleranno. Lo rivela una ricerca pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine da un gruppo di scienziati che negli ultimi anni ha messo a segno una serie di studi che dimostra appunto come piccole differenze anatomiche, strutturali e funzionali del cervello consentono di capire già nel neonato se negli anni a venire si ammalerà di autismo. I ricercatori dell'Università della Carolina del Nord in quest'ultimo lavoro hanno evidenziato differenze funzionali nelle connessioni cerebrali dei bebè a sei mesi di vita.

martedì 30 maggio 2017

La Psicobiofisica scienza universale di Todeschini



Per chi ama la scienza in tutti i suoi aspetti, senza pregiudizi e senza dogmi, per chi sa che ci sono e ci sono stati scienziati e teorie che sono messe al bando soltanto perchè indicano strade non ortodosse per il raggiungimento della conoscenza, a tutti questi vorrei indicare l’opera di uno scienziato italiano purtroppo misconosciuto anche agli addetti ai lavori: l’ing. Marco Todeschini (1899-1988, nella foto). 

martedì 23 maggio 2017

lunedì 22 maggio 2017

Lettera della Lesmo al Corriere : le vaccinazioni di massa non sono innocue

Lettera della Dr.ssa Gabriella Lesmo (pediatra, anestesista) a Paolo Mieli del Corriere della Sera autore dell'articolo “Cinque stelle, la malattia pericolosa dei complottisti anti-vaccini” 

20 MAGGIO 2017 - Preg.mo Signor Paolo Mieli, Ho letto il Suo editoriale comparso sul “Corriere” del 20 ottobre, dal titolo “Cinque stelle, la malattia pericolosa dei complottisti anti-vaccini” [LEGGI] in cui Lei attribuisce a costoro la responsabilità della ondata anti-vaccini che starebbe travolgendo l’Italia e scatenerebbe un’epidemia prossima ventura di malattie come il tetano, la poliomielite, l’epatite B, la difterite e la pertosse. Non commento le Sue opinioni politiche, ma non posso tacere sulle affermazioni che riguardano i vaccini, essendo Medico, Specialista in Pediatria e Anestesia e Rianimazione, nonché madre di un ragazzo con la vita rovinata da una reazione avversa alle vaccinazioni anti-infettive eseguite per obbligo di legge.

Gianni Lannes: «Vaccini: Abuso di potere Italia»

Clicca per ingrandire
20 MAGGIO 2017 - (Scritto da Gianni Lannes per Su la testa!) - Nel belpaese le autorità impongono con un decreto legge privo di presupposti costituzionali, solo cavie e clienti a vita delle multinazionali farmaceutiche, annichilendo la salute della gioventù italiana. In passato, ufficialmente soltanto a 631 danneggiati dalle vaccinazioni lo Stato ha riconosciuto il diritto all’indennizzo. Neonati, bambini e adolescenti d’ora in poi saranno bombardati da ben 12 vaccini, che il ministro Beatrice Lorenzin (un’analfabeta funzionale cha ha confuso i batteri con i virus) ha imposto con un decreto legge il 19 maggio 2017, dettato a Washington il 29 settembre 2014. Tale abominio non ha eguali nel mondo. A guadagnarci è principalmente la Glaxo che ha investito un miliardo di euro e vuole fare cassa sulla pelle dei nostri figli. Renzi nell'autunno dell'anno 2014 ha incontrato i referenti delle principali corporations e ha calato le braghe della nazione senza avvertire prima il popolo sovrano. La tutela della salute - sancisce la Costituzione italiana- non è un trattamento sanitario obbligatorio.

sabato 20 maggio 2017

Vaccini, sì a decreto per obbligo a scuola. Da 4 a 12 quelli obbligatori. Chi rifiuta rischia maxi multe e potestà genitoriale

19 MAGGIO 2017 - Chi non vaccina i figli rischierà la potestà genitoriale e multe fino a 7.500 euro. Sono due dei principali punti del decreto legge varato dal Consiglio dei ministri, che a partire dal prossimo anno scolastico reintroduce l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola, portandole da 4 a 12. Lo scontro sulle fasce d’età coinvolte si è concluso con la decisione di rendere i vaccini obbligatori per la fascia 0-6 anni, e non per quella 0-10 anni come inizialmente suggerito dalla ministra Lorenzin. Per la scuola dell’obbligo fino al secondo anno di superiori – e quindi dai 6 fino ai 16 anni d’età – sono invece previste pesanti sanzioni per i genitori che non rispettano l’obbligo, come aveva proposto la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli per “garantire al contempo anche il diritto costituzionale all’istruzione“. Tra i punti del provvedimento destinati a far discutere, quello che prevede che il genitore o l’esercente la potestà genitoriale che violi l’obbligo di vaccinazione venga “segnalato dalla Asl al Tribunale dei Minorenni per la sospensione della potestà genitoriale”.


Lorenzin, 12 i vaccini obbligatori. Indirizzi alle regioni nel decreto approvato dal CdM

19 MAGGIO 2017 - "Superare le difformità a livello regionale e dare un' unica linea di indirizzo. Questo l'obiettivo del decreto approvato oggi, con cui abbiamo allargato a 12 le vaccinazioni obbligatorie per l'iscrizione a scuola". Lo ha detto il ministro della salute Lorenzin al termine del Cdm.

Fonte: ANSA

NB: Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le immagini, i video e gli audio sono tratti dal web, valutati quindi di pubblico dominio.





CONCORSO PER FUMETTISTI